Informazioni su oneri, costi e opportunità rispetto alla raccolta di rifiuti elettrici ed elettronici
Per le Imprese

Le piccole e medie imprese (PMI) sono uno dei principali gruppi target del progetto LIFE WEEE. La valutazione preliminare fatta dalle Camere di commercio di Firenze e di Siviglia mostra che è piuttosto alto il numero di proprietari di piccole e medie imprese non adeguatamente informato sulla legislazione RAEE e sui suoi requisiti.

Mentre i distributori applicano già la raccolta (gratuita) di RAEE quando i consumatori acquistano il tipo equivalente di apparecchiatura elettrica od elettronica (AEE), il sistema di raccolta uno contro zero per RAEE molto piccoli (cioè la possibilità di conferire i RAEE di dimensioni massime di 25 cm senza obbligo di acquisto) non è ancora sufficientemente conosciuto dalle PMI.

Solo in Toscana ci sono circa 10.000 - 12.000 aziende che si occupano di AEE, ma solo una parte di loro è iscritta al Registro Italiano degli Operatori Ambientali. A causa della burocrazia, degli oneri e dei costi che le PMI devono sostenere per la raccolta e lo smaltimento dei RAEE, spesso esitano a promuovere anche il sistema uno contro uno ai propri clienti. Per questo motivo il progetto prevede una serie di sotto-azioni al fine di aumentare la consapevolezza dei proprietari delle imprese sugli obblighi legali e informarli sui benefici che potrebbero avere dalla raccolta dei RAEE. L'obiettivo è estendere la rete preesistente dei punti di raccolta ed estenderla in modo capillare in Toscana e in Andalusia. Il totale di PMI coinvolte attraverso attività di comunicazione, divulgazione e formazione è stimato in 5000 in Toscana e almeno 2500 in Andalusia.

Seguiteci in queste pagine e vi terremo informati.